Presentato il progetto per la ricostruzione del rifugio Zilioli

Presentato il progetto per la ricostruzione del rifugio Zilioli

posted in: AMBIENTE, NEWS | 0

di Redazione – una buona notizia viene dai monti Sibillini, annunciata la settimana scorsa ad Ascoli Piceno. Il vecchio rifugio Tito Zilioli, che sorge dal 1958 (anno della sua costruzione, avvenuta grazie ad una donazione dell’allora Comunanza Agraria di Pretare) ai 2.250 metri della Forca delle Ciaule e reso inagibile dal terremoto del 2016, è protagonista di un progetto di ricostruzione completa. Per l’opera, sono a disposizione i fondi: 185.000 euro provenienti dal Masterplan del terremoto messi a disposizione da Carisap e un contributo aggiuntivo messo a disposizione dall’Avis. Hanno illustrato il progetto la Presidente del CAI di Ascoli Piceno, Paola Romanucci, il Presidente della Fondazione Carisap Davide Angelo Galeati e Berardino Lauretani dell’Avis provinciale (l’Avis h adesso a disposizione i proventi di oltre 1.700 donazioni di una campagna lanciata per la rinascita del rifugio).

Il progetto prevede la riscostruzione ex-novo della struttura, con tecniche e materiali innovativi che però, non cambieranno la cubatura della costruzione. Il nuovo rifugio consterà quindi, ancora di due locali per complessivi 50 mq. I progettisti, architetti Valeriano Vallesi e Marcello Nardoni hanno illustrato le caratteristiche della costruzione, Saranno utilizzati pannelli in legno x-lam che saranno portati in quota con elicotteri. Il nuovo rifugio sarà sostenibile, oltre che per i materiali utilizzati, anche sul piano energetico, essendo previsti un piccolo impianto eolico, pannelli solari e il recupero delle acque piovane.

La Soprintendenza, è stato ricordato nella presentazione, avrebbe già espresso parere favorevole. SI attende ora di inviare il progetto al Parco che dovrà, a sua volta, esprimere il suo parere. Se tutto procede bene, si prevede di cominciare i lavori a partire da maggio 2019. Speriamo.

 

nelle foto: il Rifugio attuale (inagibile) e il rendering della nuova costruzione

 

 

Comments are closed.