I monti Sabini e la memoria

I monti Sabini e la memoria

posted in: CULTURA, ITINERARI | 0

di Alberto Osti Guerrazzi – “E’ questo il monte del partigiano morto per la libertà”. Parafrasando Bella ciao così recita il cartello che sulla strada del monte Tancia, tra Poggio Catino e Monte S. Giovanni, indica l’attacco del sentiero che sale ripido all’Arcucciola; è questo un luogo della memoria importante, ricorda infatti la battaglia che il 7 aprile del 1944 un pugno di partigiani combatté contro centinaia di nazisti e fascisti che lì i avevano circondati e che alla fine, dopo ore di combattimenti, li uccisero tutti.

Sull’Arcucciola ogni 7 aprile si svolge una piccola cerimonia in ricordo della battaglia e del sacrificio dei partigiani; è un luogo bello e solitario, una piccola cima immersa nei boschi dei monti Sabini dove si trovano il cippo eretto in memoria dei caduti e il luogo dove il parroco di monte San Giovanni fece provvisoriamente seppellire i loro corpi in una piccola fosse  comune.

 

Quel giorno i partigiani non furono i soli a morire, molti altri, tra cui tante donne e bambini, furono rastrellati nei paesi e nelle campagne e fucilati senza pietà.

Vale la pena quindi di tornare ogni tanto all’Arcucciola, a ricordare.

Dalla strada del Tancia la salita è breve.

E’ anche bello arrivarci, come abbiamo fatto qualche giorno fa, partendo da San Valentino, frazione di Poggio Mirteto; è un’escursione lunga, che passa per il valico della Crocetta ,dove è un piccolo capanno di legno che era a sua volta luogo di rifugio dei partigiani.

Di lì si può arrivare rapidamente ai resti dell’eremo di Cosma e Damiano, immersi nella verzura. Continuando su bei sentieri e placide sterrate si raggiunge poi il casale, o villa, Ferri, altro rifugio dei partigiani. Dal casale in un’ora circa si arriva alla strada del Tancia, da cui si sale all’Arcucciola.

E’ una passeggiata lunga ma non faticosa, bella per i boschi che attraversa (anche se un taglio sotto colle Sant’Erasmo è davvero devastante; cosa fa la Forestale? esiste?) e per i luoghi della memoria che raggiunge.

Comments are closed.