Ghiaccio d’Appennino: “errata corrige” di Alberico Alesi al libro di Iurisci?

Ghiaccio d’Appennino: “errata corrige” di Alberico Alesi al libro di Iurisci?

posted in: AMBIENTE, CULTURA, NEWS | 0

di Redazione –  riceviamo una nota di Alberico Alesi che cerca di “correggere” alcune affermazioni contenute nella nota guida “Ghiaccio d’Appennino” di Cristiano Iurisci, pubblicata già dal 2012 dalle Edizioni Versante Sud.

La nota, che Alesi vuole mandare anche alla Rivista del CAI ma che ci ha gentilmente consentito di pubblicare, vuole – senza note polemiche, dice l’autore – puntualizzare su alcune vie e nomi di salitoti dei Monti Sibillini, zona frequentata dall’alpinista di Ascoli. Spesso, si noterà, è lo stesso Alesi, da solo o con altri, a non essere nominato nella guida di Iurisci.

Non vogliamo prendere posizione in merito, né sul lungo lasso di tempo trascorso dalla pubblicazione del libro alla “correzione”. Ci limitiamo a dare voce ad Alberico Alesi. Speriamo che la cosa non diventi lo spunto per un’altra delle tante spesso sterili ed inutili polemiche tra alpinisti, e attendendo – se vorrà risponder – la risposta di Iurisci.

Per ora, la parola ad Alberico Alesi

 

SETTORE MONTI SIBILLINI

GHIACCIO D’APPENNINO di Cristiano Iurisci Edizioni VERSANTE ASUD

Errata corrige

PAG. 67
DIRETTA NORD MONTE ACUTO Parete N Monte Acuto, 2035 m. Primi salitori ignoti.
Sulla parete Nord di Monte Acuto sono state aperte due vie invernali:
VIA CARNEVALE 85, da Alberico Alesi, Dario Nanni, Tiziano Cantalamessa, Maurizio Calibani, il 27.02.1985,
VIA DELL’ERBA VOGLIO, da Alberico Alesi, Claudio Sacripanti, Antonio Palermi, Maurizio Calibani, il 24.12.1985.

PAG. 76
Foto. La via n. 9 (Torre di Luna) è tracciata circa 50 m più a sinistra del reale.

PAG. 93
21 CANALE D’ARGENTO
La via non si chiama CANALE D’ARGENTO, bensì LA RETTA VIA, e Alberico Alesi non ha fatto la prima solitaria, ma ha aperto una nuova via, in solitaria, a destra di quello centrale, che ha chiamato CANALE D’ARGENTO, nella data indicata).

Pag. 98
23 CANALE NORD Parete nord di Cima di Lago 2422 m. Tra i primi salitori è citato “Alessio” Alesi. In realtà si tratta di Alberico Alesi.

SETTORE MONTI DELLA LAGA

PAG. 134/135/136
15-CASCATA GRANDE DI GORZANO, 16-CASCATE DELL’ORTANZA, 17-CASCATE DEL MALOPASSO.

L’autore distingue una “Prima salita probabile” dalla “Prima salita ufficiale”, attribuendo la prima a Marco Florio e compagni, configurando una sorta di antipaticissimo“accaparramento” da parte degli “ufficiali”. Gli autori di GHIACCIO DEL SUD (il sottoscritto e Maurizio Calibani, 1994) avevano accertato
al di là di qualsiasi dubbio, che Marco Florio ed il suo gruppo aveva sistematicamente esplorato i canali ghiacciati salendone le parti innevate, e senza salire alcuna cascata secondo i requisiti richiesti nel volume (in libera, dal basso, con esclusione del top rope). Lo stesso Florio, mancato nel 2005, non ha mai avanzato alcuna obiezione con quanto asserito nel volume.

Queste note, che di certo non cambieranno la vita a nessuno, hanno l’intento di contribuire ad una corretta informazione in futura memoria, e per chi volesse continuare a scrivere di alpinismo appenninico. Sono state scritte senza alcun intento polemico.
Mi risulta però difficile comprendere, da scrittore di guide a mia volta, come mai l’autore non abbia sentito la necessità di compulsare le cronache alpinistiche in archivio, sia della rivista “L’Appennino” del CAI di Roma, che quelle de “Lo Scarpone”, dove le notizie erano tutte riportate. Avrebbe comunque potuto evitare questa “fatica” semplicemente chiedendo a noi, autori di diversi volumi sui Monti Sibillini, sui Monti della Laga e di Ghiaccio del Sud, ancora per fortuna in vita e, credo, ancora adesso privi di sintomi dell’Alzheimer… Ma l’autore non l’ha fatto, e questo è ancora più inspiegabile.

Alberico Alesi

Comments are closed.