Mauro Corona incontra Amatrice e l’Appennino che resiste

Mauro Corona incontra Amatrice e l’Appennino che resiste

posted in: CULTURA, NEWS | 0

di Aldo Frezza –  sarà un importantissimo appuntamento per Amatrice ed il suo territorio terremotato quello di sabato 17 giugno. La cittadina laziale riceverà infatti la visita di Mauro Corona, il  notissimo scultore, scrittore ed alpinista di Erto. La visita al territorio sarà seguita da un appuntamento pubblico al Palazzetto dello Sport, ben noto a quanti hanno operato ad Amatrice nei giorni susseguenti al terribile sisma del 26 agosto scorso. Sfollati, soccorritori, giornalisti e cameramen hanno trascorso molte notti avvolti nei sacchi a pelo sotto le sue volte.

L’incontro, organizzato dalla sezione del CAI di Amtrice oltre che dal CAI della regione Lazio, si inserisce nel novero delle iniziative lanciate dal sodalizio per la rinascita del suo martoriato territorio, raccolte nelle serie di eventi (altri infatti ne seguiranno, peer tutta l’estate): “Montagne nel cuore 2017” del CAI Lazio e “Montagne in movimento” del CAI di Amatrice.

Mauro Corona parlerà non solo della sua vita e dei suoi libri, ma soprattutto di Erto, suo paese natale distrutto nella tragedia del Vajont; e dal Vajont al terremoto, narrerà di un faticoso percorso di rinascita del territorio e delle persone che vi abitano. Due tragedie, due resistenze diverse e due ricostruzioni altrettanto complicate, lontane nel tempo ma analoghe dal punto di vista della loro necessità e dell’energia che richiederanno. Ma anche analoghe speranze e la stessa forza di due comunità che sanno reagire e rimettersi in piedi.

Ad Amatrice Mauro Corona racconterà storie e personaggi, aneddoti e riflessioni, scalderà il pubblico con il suo sarcasmo e regalerà qualche pensiero da portarsi a casa,a chi la casa ce l’ha, e a chi è sfrattato a tempo dalla sua terra ma torna ad Amatrice commuovendosi ancora. E incontrerà Sergio Pirozzi, il sindaco di Amatrice

Come ha dichiarato Marco Salvetta, presidente della sezione CAI di Amatrice, questa non sarà l’unica iniziativa in cantiere per la rinascita del territorio e della montagna Amatriciana:. “… continueremo e potenzieremo tutte le nostre attività più convinti e decisi di prima. La costruzione della Casa della Montagna ad Amatrice sarà un’ottima base di partenza. Cultura di montagna, formazione, visione del futuro ambientale e turistico del Centro d’Italia diventeranno le pietre miliari del nostro futuro percorso…”.

L’incontro è completamente gratuito, ma si richiede la prenotazione al numero 348.7956329 o alla mail cultura@cailazio.it

Per info: www.cailazio.it  www.caiamatrice.it

 

 

 

 

Comments are closed.