Viaggio tra i piccoli editori che diffondono la conoscenza del loro territorio: le Edizioni Magister

Viaggio tra i piccoli editori che diffondono la conoscenza del loro territorio: le Edizioni Magister

posted in: AMBIENTE, CULTURA, NEWS | 0

di Aldo Frezza – sosto in fila al baretto degli addetti ai lavori di “Più libri più liberi”, la fiera della piccola e media editoria che ogni anno, a dicembre, è a Roma un appuntamento fisso per chi cerca libri ed iniziative editoriali diverse dal solito. Poco più che uno sgabuzzino, con una macchina spara-cialde e pile di bicchierini di carta. Per di più, in questo momento, inagibile per guasto della macchina.

Il mio vicino di fila sbircia la scritta “stampa” sul badge che mi pende dalla giacca e mi chiede notizie sull’ufficio stampa, se loro fanno promozione agli editori presenti o no, ecc…

Inizia così la mia conoscenza con Timoteo Papapietro, delle Edizioni Magister di Matera, per la prima volta presente in questa rassegna. Poco dopo, in un altro bar, Timoteo mi parla della sua casa editrice e dei suoi titoli, che spaziano tra vari argomenti: teologia, filosofia, psicologia, medicina, scuola e – di particolare interesse per noi – storia locale.

Tra la ben curata e raffinatissima produzione che Timoteo mi mostra, mi colpisce particolarmente un titolo, forse il più vicino alle tematiche di scoperta ed esplorazione lenta del territorio che a noi di appenninico.it stanno più a cuore. Si tratta di “Lucania a piedi dallo Jonio al Tirreno”, di Nicola D’Imperio. Intanto, l’autore. Lucano di nascita, poi trasferito a Bologna dove svolge la professione medica. Ma  non tralascia le sue altre attività di pittore, scrittore, viaggiatore, trekker, grande appassionato e conoscitore della sua terra di origine. Il suo viaggio a piedi, descritto qui, si svolge nel senso esattamente contrario a quello ormai arcinoto del film di Rocco Papaleo “Basilicata coast to coast”. Mentre la picaresca band del film parte da Maratea e arriva a Scansano Ionico, D’Imperio inizia il suo tour da Terzo Cavone, frazione di Scansano per immergere i piedi, dopo 8 giorni e 250 km di sentieri e strade poderali, in quella piccola striscia di mar Tirreno che bagna la sua regione di origine.

Ma chi si aspetta di trovare la descrizione dei percorsi, le mappe, i chilometraggi e le tabelle altimetriche che di solito accompagnano questo tipo di libri rimarrà deluso: non è questa l’operazione che D’Imperio fa.

Come il sottotitolo – “Cronache, poesie, racconti” – fa intendere, il suo viaggio è innanzitutto emozionale; è un viaggio  nelle storie piccole o grandi dei territori attraversati, un viaggio nella memoria, nel ricordo di personaggi che questa terra hanno abitato o ne hanno scritto, nel ricordo della stessa infanzia dell’autore che transita, durante la terza tappa, anche per il suo paese natale. A narrare il suo viaggio non più, quindi, nozioni tecnico-geografiche, ma racconti, poesie, pagine di diario, pagine di scrittori locali più o meno faticosamente rintracciati. Ulteriore particolare meritevole di citazione, nel libro, è la prefazione di Lucio Dalla, che venne a Matera nel 2012 per un convegno.

Tra le altre cose delle Edizioni Magister che ci sono piaciute, citiamo, dello stesso D’Imperio e di Francesco Giase: “Conoscere Matera – Itinerari nei sassi e nella città antica”, guida agile ma dettagliata (stavolta corredata di  molte e utili descrizioni di itinerari, tabelle chilometriche, ecc…  come ogni classica guida che si rispetti), ottimo primo approccio per conoscere la “Città dei Sassi” Capitale Europea della Cultura nel 2019 e un libro fotografico: “Dalla Murgia al Pollino – la Basilicata a piedi”. Diviso in sezioni tematiche (sentieri, paesaggi, acque, flora, incontri, stagioni, dintorni, vie ardite, cieli, vette), il volume raccoglie le immagini realizzate nel decennio 202 – 2012 dai trekker dell’associazione “Falco Naumanni” di Matera, a cura di Cosimo Buono e introdotte da testi di Riccardo Carnovalini, Nicola D”Imperio, Antonio Moresco.

Per info: http://www.edizionimagister.it/

 

 

Comments are closed.