Valli Cupe: nuova Riserva Naturale Regionale per il canyon più segreto della Calabria

Valli Cupe: nuova Riserva Naturale Regionale per il canyon più segreto della Calabria

posted in: AMBIENTE, NEWS | 0

di Redazione – Salutiamo con soddisfazione l’istituzione di una nuova Riserva Naturale Regionale, quella delle Valli Cupe, in Calabria. Si tratta di un’area dalle importanti caratteristiche paesaggistiche e naturalistiche, ben conservata finora grazie alla sua posizione nascosta e poco conosciuta, tanto da essere stata descritta dal naturalista belga John Bousquet come “il segreto meglio custodito d’Europa”.

Risale al 16 dicembre scorso l’approvazione all’unanimità, da parte del Consiglio regionale, della legge istitutiva della Riserva. Si tratta di un importante traguardo per la salvaguardia di quest’area tra la costa Jonica e le prime pendici della Sila (siamo a 45 km circa da Catanzaro), che cela al suo interno cascate immerse in luoghi incontaminati, canyon che celano esempi di biodiversità inaspettati, panorami mozzafiato su gole e dirupi, alberi secolari ed altre rarità botaniche.

Tra i comuni di Sersale e Zagarise, cuore della Riserva è il canyon lungo 12 km (percorribile in 4 ore circa di cammino) e le sue ben 101 cascate. Tra le più famose e visitate quella di Campanaro (con un salto di 22 metri), l’Infernaccio, il Crocchio, l’Aquila delle Grotte.

Ma non mancano altri motivi di interesse, dai villaggi abbandonati come Barbaro – una volta fiorente, ma poi svuotato da una pestilenza – o il settecentesco Marcaglione, i vecchi monasteri basiliani (ispirati alla regola di San Basilio, cattolico di rito greco). Passando ad un’epoca più recente, sono visibili ancora tracce del brigantaggio.

Valli Cupe è così la terza riserva regionale calabrese, facendo seguito a quelle della Foce del Crati e di Tarsia.

A Sersale è da tempo attiva una cooperativa di accompagnatori e guide naturalistiche che si occupa di far conoscere questa bellissima area.

Tutte le notizie sulla zona e gli itinerari su http://www.vallicupe.it/

 

Comments are closed.